Nord Italia – Azienda chimica – Spandimento di prodotti chimici – dicloro di benzene
La rottura di un giunto di compensazione della valvola di fondo di un serbatoio provoca uno sversamento del contenuto del serbatoio sulla pavimentazione circostante.
Le squadre NIE intervengono tempestivamente intercettando la fonte primaria di contaminazione, bloccandola. Procedono poi alla neutralizzazione del prodotto, contenendo poi la contaminazione della rete fognaria con appositi palloni otturatori.
Si chiude l’intervento con la bonifica di pozzetti e condotte interrate e con la bonifica dei piazzali con attrezzature ad alta pressione

 

Contesto Azienda chimica
Dove Nord Italia
Evento / Sinistro Spandimento di prodotti chimici
Causa Rottura di un giunto di compensazione della valvola di fondo di un serbatoio di dicloro benzene.
Sostanze coinvolte Dicloro benzene
criticità
•Il prodotto a contatto con l’umidità sviluppa acido cloridrico generando problemi di sicurezza e manipolazione del materiale
•Il prodotto è solido a temperatura ambiente e si liquefà a 40°
•La reazione genera forti odori percepiti dalla popolazione circostante

 

Conseguenze/danno contaminazione piazzali e reti interrate.
Blocco del processo produttivo
Fasi di intervento Interruzione della fonte primaria
Neutralizzazione del prodotto
Intercettazione contaminazione rete fognaria mediante inserimento di palloni otturatori.
Bonifica pozzetti e condotte interrate
Interruzione della fonte primaria
Bonifica piazzali con attrezzature ad alta pressione
Tempi MESSA IN SICUREZZA D’EMERGENZA (M.I.S.E.) – 2 giorni
Tempo di arrivo sul sinistro: 1h e ½ dalla chiamata
Bonifica completa: 10 giorni